lunedì 8 maggio 2017

Lavori in corso - nuovi spazi in arrivo

Ma cosa sta succedendo nella casa di Entracque? Camion, elevatori, mattoni e cemento, muratori all'opera... gente che va e che viene, fr. Zeno che spesso appare nel cantiere... cosa bolle in pentola?
Semplicissimo e funzionale, per utilizzare meglio gli spazi e offrire ai nostri ospiti delle opportunità più flessibili di soggiorno, stiamo ristrutturando i locali dell'ultimo piano nel corpo centrale della casa, finora sottoutilizzati, per creare uno spazio da fruire in autogestione.
Si tratta di una zona dove i gruppi potranno sistemarsi e vivere con più elasticità (di tempi e di modalità) il loro soggiorno.
Pensiamo in questo modo di venire incontro alle esigenze di quei gruppi che spesso hanno necessità di orari e di spazi più articolati.


Nel dettaglio, si stanno preparando queste strutture:
  • cucina autonoma, fornita di fornelli, frigorifero, attrezzature e spazio di lavoro
  • living-soggiorno (per consumare i pasti e svolgere altre attività), per circa 60 persone
  • zona servizi, con lavatrice indipendente
  • accesso dall'esterno indipendente e dalla zona camere della struttura principale (con rampa di accesso per eliminare le barriere architettoniche e possibilità di utilizzo dell'ascensore)

I lavori sono iniziati già nel mese di marzo e stanno procedendo celermente; dalla fine di giugno la zona dovrebbe essere pronta e disponibile. 

Chi fosse interessato può già mettersi in contatto con fr. Zeno, responsabile della struttura di Entracque (329-9027373).

domenica 12 marzo 2017

Inverno 2017 - Campionati italiani di Sci di Fondo

Per la prima volta dopo tanto tempo, la nostra casa ha aperto i battenti nel periodo invernale, in occasione dei Campionati nazionali di Sci di fondo.

In questi primi giorni di marzo la casa alpina si è così riempita di giovani atleti (under 14), provenienti da varie regioni d'Italia, in particolare Trentino e Lazio.

Le gare si sono svolte nella bella cornice delle piste di fondo vicine alla diga della Piastra.

Grazie all'amico Nino Faramia, ecco anche



Echi dalla stampa